SRI LANKA, IL FESTIVAL ESALA PERAHERA

Tra le piantagioni di tè

Tra le piantagioni di tè

15 giorni 13 notti

Partenza il 18 agosto 2018

Dambulla

Dambulla

15 giorni 13 notti

Partenza il 18 agosto 2018

Collage dallo Sri Lanka

Collage dallo Sri Lanka

15 giorni 13 notti

Partenza il 18 agosto 2018

 

SRI LANKA, IL FESTIVAL ESALA PERAHERA - CODICE OFFERTA: VR2LKS003

15 giorni 13 notti

Partenza il 18 agosto 2018

Aeroporti di partenza: Milano, Malpensa

Con guida locale di lingua italiana o inglese e Accompagnatore dall’Italia

Numero massimo di partecipanti 14

 

 

1° giorno / Partenza dell’Italia

Partenza da Milano Malpensa al mattino con volo di linea Etihad Airways via Abu Dhabi per Colombo. Cena e pernottamento a bordo. Arrivo a Negombo in nottata, espletamento delle formalità d’ingresso, accoglienza e trasferimento all’hotel.

 

2° giorno / Negombo – Galle (il Fort medioevale)

Dopo la prima colazione partenza verso sud per la pittoresca città vecchia di Galle, con l’imponente fortezza costruita dagli olandesi a partire dal 1663, uno stupendo insieme di meraviglie architettoniche coloniali e atmosfere esotiche traboccanti dell’odore di spezie e venti marini. Alcuni storici ritengono che Galle fosse l’antica Tarshish, nella cui baia attraccarono i vascelli di Re Salomone per rifornirsi di elefanti, pavoni, gemme e altre merci preziose. Gli splendori di Galle sono stati riconosciuti dall’UNESCO che ha inserito il Forte nel Patrimonio dell’Umanità. Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio visita del centro storico. Cena e pernottamento in resort.

 

3° giorno / Galle – Parco Nazionale di Yala (alla ricerca del leopardo)

Dopo la prima colazione partenza verso est, lungo la costa bagnata dall’Oceano Indiano, attraverso un paesaggio caratterizzato da lunghe spiagge deserte e ondeggianti foreste di palme. Lungo il percorso visita del forte olandese di Mathara e del faro di Dondra che si trova nel punto più a sud dell’isola. Pranzo in ristorante locale. Arrivo a Yala e sistemazione in resort. Nel pomeriggio escursione in jeep nel Parco Nazionale di Yala, famoso per i branchi di elefanti, i leopardi (panthera pardus kotiya) e le numerose varietà di uccelli. Il Parco si estende in una vasta area protetta che ricomprende diversi habitat: macchia, boscaglia, pianure erbose e lagune salmastre. Cena e pernottamento in resort.

 

4° giorno / Parco Nazionale di Yala – Ella – Nuwara Eliya (la “Piccola Inghilterra”)

Dopo la prima colazione partenza verso nord-ovest per la regione dell’Hill Country. Il paesaggio è verde e lussureggiante e gran parte del territorio è ricoperto dal brillante tappeto delle piantagioni di tè e da foreste montane aggrappate alle cime dentellate delle montagne, dalle quali si gettano rinfrescanti cascate. Lungo il percorso sosta per la visita della statua di Buddha di Buduruwagala e sosta nella cittadina di Ella per la visita delle Rawana Falls. Pranzo in ristorante locale. Si continua per Nuwara Eliya, chiamata anche la “Piccola Inghilterra”, in passato il rifugio preferito dei pionieri, inglesi e scozzesi, dell’industria singalese del tè. Resto del pomeriggio dedicato alla visita della cittadina che con i suoi edifici coloniali, costruiti al tempo degli inglesi, conserva un fascino particolare. Cena e pernottamento in hotel.

 

5° giorno / Nuwara Eliya – Kandy (il treno tra le piantagioni di tè)

Dopo la prima colazione visita di una piantagione di tè. La migliore qualità di tè dello Sri Lanka (noto a livello internazionale come tè di Ceylon) proviene da questa zona, che grazie alla vicinanza del monte Pidurutalagala (o Monte Pedro, 2.524 m.), il più alto dell’Isola, gode di condizioni climatiche ottimali. Trasferimento alla stazione ferroviaria di Nanu Oya, per l’imbarco sul pittoresco treno per Kandy (N.B. Il treno può essere confermato solo una settimana prima della partenza, in caso contrario si procede via terra in minibus). Pranzo con lunch-box a bordo del treno. Arrivo a Kandy (500 m.), la capitale dell’ultimo regno cingalese, caduto nelle mani degli inglesi nel 1815 dopo aver resistito ai portoghesi e agli olandesi per tre secoli. Il cuore della città è rappresentato dall’incantevole lago artificiale creato nel 1807. Sulla sponda settentrionale del lago sorge il Tempio del Sacro Dente (Sri Dalada Maligawa, Patrimonio Umanità UNESCO), che custodisce un dente del Buddha, la più preziosa reliquia dello Sri Lanka. Questo tempio riveste una grande importanza per i buddhisti dello Sri Lanka, secondo i quali bisogna compiervi almeno un pellegrinaggio nella vita. Pregare nel tempio ha infatti il potere di migliorare il karma del fedele. Nel pomeriggio visita della cittadina. Cena e pernottamento in hotel.

 

6° giorno / I dintorni di Kandy (i templi hindu-buddhisti del XIV secolo)

Dopo la prima colazione escursione di un’intera giornata nei dintorni di Kandy. Partenza in tuk-tuk per il Tempio di Gadaladeniya, un tempio hindu-buddhista risalente al regno Gampala (1341-1408). Costruito su un affioramento roccioso e costellato di laghetti, il tempio si raggiunge salendo una serie di gradini scolpiti nella roccia. Si prosegue per il Tempio Lankathilaka con un’interessante camminata a piedi, di circa 2 ore, tra villaggi e risaie, che offre l’opportunità di conoscere la vita rurale dello Sri Lanka (N.B. chi non se la sente può raggiungere il tempio in tuk-tuk). Questo tempio, anch’esso hindu-buddhista, è ritenuto uno dei più begli edifici costruiti durante il regno Gampala. Eleganti disegni architettonici e colorate pitture murali adornano le pareti e il soffitto della sala principale. Il tempio sorge su uno sperone di roccia e offre una meravigliosa vista sul paesaggio circostante. Pranzo in corso d’escursione. Si continua con la visita di un centro culturale realizzato nella vecchia casa, in stile coloniale olandese, di un capo villaggio, risalente al XVIII secolo. Rientro a Kandy nel pomeriggio. Cena e pernottamento in hotel.

 

 7° giorno / Kandy (il Festival Esala Perahera)

Dopo la prima colazione visita dei Giardini Botanici di Peradeniya a pochi chilometri da Kandy. Prima dell’arrivo degli inglesi i giardini erano riservati alla ricreazione della famiglia reale, oggi costituiscono il più vasto orto botanico dello Sri Lanka, con una superficie di circa 60 ettari. La principale attrazione è il fico gigante di Giava, che copre una superficie di 2500 mq. Resto della giornata dedicato alla partecipazione al Festival Esala Perahera, una delle più affascinanti feste di tutta l’Asia. La Perahera (processione) rende omaggio alla reliquia del Sacro Dente di Buddha. La manifestazione consiste in lunghe parate di elefanti riccamente bardati, accompagnati da migliaia di danzatori e percussionisti che suonano i tamburi, fanno schioccare le fruste e sventolano le bandiere colorate. Uno spettacolo straordinario che ricorre ormai da molti secoli, descritto per la prima volta da Robert Knox nel 1681 nel suo libro “An Historical Relation of Ceylon”. Pranzo in ristorante locale. Cena e pernottamento in hotel.

 

8° giorno / Kandy – Matale – Dambulla – Habarana (il Royal Rock Temple)

Dopo la prima colazione partenza verso nord per Habarana. Lungo il percorso sosta per la visita di una piantagione di spezie a Matale. Pranzo tipico contadino chiamato kamatha in lingua singalese. Si prosegue per Dambulla per la visita dello splendido Royal Rock Temple (Patrimonio UNESCO) un complesso di santuari rupestri che racchiudono alcuni tra i più straordinari dipinti e statue dedicati al Buddha. Le grotte iniziarono a essere usate come luogo di culto verso il I secolo a.C., quando il re Valagamba, scacciato da Anuradhapura, vi si rifugiò. Si continua per Habarana, una minuscola cittadina nel cuore delle pianure centrali dello Sri Lanka, dove le antiche dinastie singalesi fondarono le loro capitali. Cena e pernottamento in resort.

 

9° giorno / Habarana – Anuradhapura – Mihintale – Habarana (il sacro albero della bodhi)

Ci troviamo nella regione denominata “Triangolo Culturale”, dove per oltre un secolo gli scavi degli archeologi hanno portato alla luce i molti strati di storia che la giungla aveva tentato di eclissare. Templi, città perdute e siti sacri, il cui valore storico è stato riconosciuto dall’UNESCO che ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità alcuni dei siti più importanti. Dopo la prima colazione partenza per Anuradhapura. Pur non possedendo la grandiosità della Bagan birmana o la misteriosità dell’Angkor Wat cambogiano, le rovine di Anuradhapura (Patrimonio UNESCO) restano fra le attrattive più affascinanti di tutta l’Asia meridionale. Lo Sri Maha Bodhi, l’albero sacro più antico del mondo di cui sia stata comprovata l’autenticità storica; i resti delle numerose colonne del Brazen Palace; l’Isurumuniya Vihara, il tempio rupestre che contiene la splendida scultura con gli elefanti che giocano spruzzando l’acqua; l’Abhayagiri Dagoba, l’imponente stupa costruito nel I e II secolo a.C., elemento centrale di un monastero che ospitava 5000 monaci; sono solo alcune delle attrazioni di Anuradhapura. Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio si prosegue per la visita del complesso di Mihintale, considerato il luogo nel quale si è sviluppato il buddhismo nello Sri Lanka in seguito alla conversione del re Devanampiya, nel 247 a.C. ad opera di Mahinda, il figlio del grande imperatore buddhista Ashoka. Rientro ad Habarana in serata. Cena e pernottamento in hotel.

 

10° giorno / Habarana – Sigiriya – Parco Nazionale di Minneriya – Habarana (le fanciulle danzanti)

Prima colazione e partenza per la visita della rocca di Sigiriya (Patrimonio UNESCO) un’incredibile formazione rocciosa che si innalza, con pareti a strapiombo, su un mare di vegetazione, e che offre straordinarie vedute e magnifici tesori archeologici. Secondo la leggenda, sulla sommità piatta della rocca sorgeva il palazzo del re Kassapa (477-495 d.C.). Una nuova ipotesi, supportata da prove archeologiche, sostiene che Sigiriya non funse mai da fortezza né da palazzo, ma che sia stata per lungo tempo un monastero buddhista. I preziosi affreschi raffiguranti le giunoniche fanciulle danzanti, non ritrarrebbero le concubine del re Kassapa, come si ritiene comunemente, bensì rappresenterebbero Tara Devi, una delle divinità più importanti del buddhismo tantrico. Pranzo in ristorante locale Nel pomeriggio escursione nel Parco Nazionale di Minneriya dove nella stagione secca (giugno-settembre) si può assistere al “raduno” degli elefanti (circa 300 esemplari). Rientro ad Habarana nel tardo pomeriggio. Cena e pernottamento in resort.

 

11° giorno / Habarana – Polonnaruwa – Passikudah (le 4 statue di Buddha del Gal Vihara)

Dopo la prima colazione partenza per la visita di Polonnaruwa. Dopo aver conquistato Anuradhapura alla fine del X secolo, la dinastia Chola dell’India del Sud stabilì la propria capitale a Polonnaruwa (Patrimonio Umanità UNESCO). La città raggiunse però il massimo del proprio splendore con il re singalese Parakramabahu I (1153-1186d.C.) che fece costruire grandi edifici, magnifici parchi e una cisterna di 2500 ettari che per le sue vaste dimensioni fu chiamata “Mare di Parakrama”. Visita del Museo Archeologico, del Palazzo Reale e del complesso del Quadrilatero. Assolutamente da non perdere il Gal Vihara, dove si trova un gruppo di 4 statue del Buddha in posture differenti, considerate la massima espressione della scultura rupestre singalese. Pranzo in ristorante locale. Dopo pranzo si prosegue verso est per Passikudah. Dopo una serie di anni difficili l’affascinante area nel nord-est dell’isola è nuovamente aperta ai turisti. Sistemazione in resort. Cena e pernottamento in resort.

 

12° giorno / Passikudah (la spaggia di sabbia color avorio)

Dopo la prima colazione intera giornata dedicata al relax sulla spiaggia di Passikudah. Pensione completa. Pernottamento in resort.

 

13° giorno / Passikudah – Colombo – Negombo (la capitale amministrativa)

Dopo la prima colazione partenza per Negombo con una traversata dell’isola dalla costa orientale a quella occidentale (circa 6 ore di trasferimento). Pranzo in ristorante locale lungo il percorso. Nel pomeriggio breve visita di Colombo, la capitale amministrativa e l’epicentro politico del paese. Nel tardo pomeriggio si prosegue per Negombo, una cittadina coloniale situata sulla costa, a circa 30 km a nord di Colombo, vicino all’aeroporto internazionale di Bandaranaike. Cena e pernottamento in resort.

 

14° giorno / Negombo – partenza

Dopo la prima colazione giornata libera da dedicare al relax sulla spiaggia o in alternativa alla visita opzionale (da pagare extra) di Colombo o del centro storico di Negombo. Pranzo libero. Camere in day-use fino al momento della partenza. Nel tardo pomeriggio trasferimento all’aeroporto per il volo per l’Italia via Abu Dhabi. Cena e pernottamento a bordo.

 

15° giorno / Arrivo in Italia

Arrivo a Milano Malpensa al mattino.

 

 

LE QUOTE INCLUDONO

Voli internazionali di linea in classe economica, trasferimenti privati da/per l’aeroporto, trasporti a terra con autovettura o minibus con aria condizionata, guida locale di lingua italiana, accompagnatore italiano per minimo 9 partecipanti, i pernottamenti in hotel 4*/5* in pensione completa, assicurazione come specificato, dossier informativo/culturale o guida.

 

LE QUOTE NON INCLUDONO

I pasti dell’ultimo giorno, le bevande durante i pasti, mance ed extra personali, l’autorizzazione elettronica d’ingresso (ETA) (€ 55), tutto quanto non espressamente specificato.



Prezzo indicativo a partire da 3.550 € A PERSONA
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK